Passaturi
  MENU

Sui colli di Locorotondo, la muratura in pietra a secco dei mastri trullari

  • 25/07/2014
  • Maria Teresa Acquaviva
  • Eventi
  • 1

L'ultimo appuntamento di luglio del ricco programma escursionistico dal titolo "la Valle d'Itria in cammino" organizzato dall'Associazione Passaturi è dedicato, giovedì 31,  alla muratura in pietra a secco, l'arte dei maestri trullari e paretari della Murgia dei Trulli.

Le Contrade scelte per l'occasione offrono tanti spunti architettonici per esaminare da vicino un'architettura che, sebbene a secco,  per la tecnica usata rende duraturi i manufatti. Il percorso si snoda sulle panoramiche colline a ridosso della città di Locorotondo. Il paesaggio che si attraversa è quello tipico murgiano, qui particolarmente modellato da continui saliscendi. Dopo un primo tratto all'ombra di giganteschi fragni (della famiglia delle querce) si giunge nella prima Contrada, Ritunno, dove si è accolti nell'antico iazzile ormai trasformato in un grazioso giardino con panchine e alberi. La seconda Contrada è Serra, che conserva un nucleo antico molto interessante e la terza è Ritunno Piccola, la più intatta architettonicamente con l'antica aia in vista sul banco roccioso. L'intero itinerario consente di ammirare una campagna coltivata con orti, ulivi, vigneti, mandorli e trulli di tutte le forme e dimensioni da visitare anche all'interno. Forni, casolari, stalle, pagliai, aie, cisterne e fogge tutti i servizi in comune di antichi villaggi generati dalle operose mani dei mastri muratori, che a volte erano gli stessi contadini che costruivano nei tempi morti dal lavoro dei campi. Lungo il percorso si può ammirare una delle più belle cappelle votive della Valle d'Itria, tipica dei crocevia e sparse nella campagna. La cappella presenta una struttura a timpano e archivolto con la parete di fondo, preceduta da un altarino,  su cui si conserva una tipica immagine di una Madonna con Bambino, che è lì da secoli a proteggere viandanti e residenti, antico retaggio del millenario ruolo della Madonna Odegitria. Ancora oggi non mancano ceri e fiori freschi tutto l'anno.

Informazioni

Appuntamento alle ore 17.30 alla stazione di benzina Simeone Carburanti, in Valle d'Itria, appena usciti da Martina Franca; abbigliamento "a cipolla" con scarpe comode e basse, cappello e acqua; si consiglia di portare macchina fotografica e binocolo;
contributo a persona 5 €, i bambini fino a 10 anni non pagano;
prenotazione obbligatoria ai nn.3205753268 e 3404876941 entro le 12 di giovedì 31 luglio.  

 



Commenti

  • Maria Teresa Acquaviva

    10 settembre 2015

    Thank you very much

  • Jann

    5 settembre 2015

    Great info. Lucky me I came across your website by chance (stumbleupon). I've bookmarked it for later!

  • Papillongifts.net

    15 giugno 2015

    What's up to every body, it's my first pay a quick visit of this web site; this blog contains amazing and truly fine material designed for readers.

  • Hyllested Gomez &

    22 maggio 2015

    Hello!,I really like your writing so so much! proportion we keep in touch extra about your article on AOL? I need an expert on this area to resolve my problem. Maybe that is you! Looking forward to peer you.

  • Meilleur lisseur

    22 maggio 2015

    Hi, i believe that i noticed you visited my site so i got here to go back the desire?.I'm trying to in finding things to enhance my web site!I guess its ok to use some of your ideas!!

Lascia un commento

  Invia commento


NOTA BENE: il tuo commento sarà prima moderato e se ritenuto idoneo sarà pubblicato