Puglia, panorama della Valle d'Itria  (ft. Mt. Acquaviva)

La Valle d’Itria

A metà strada tra i mari Ionio e Adriatico nel cuore della Murgia dei Trulli si trova l’incantevole Valle d’Itria, un’estesa depressione di origine carsica che presenta un territorio debolmente ondulato e a tratti pianeggiante. Come balconi naturali, tre città d’arte affacciano sul luogo, Martina Franca, Cisternino e Locorotondo, mentre i territori di Ostuni e Ceglie Messapica ne comprendono alcuni tratti.

La Valle d'Itria

La Valle d’Itria

Il toponimo Itria è da mettere in relazione con l’antico culto della Vergine Odegitria qui portato nel Medioevo dai monaci basiliani che ne venerarono l’immagine in una chiesa rupestre, nel fondo di una piccola dolina. Su quel sito sorse nel XVI secolo il complesso conventuale dei frati Cappuccini dove, nella chiesa, fu traslata l’icona sacra dalla grotta quando già la Vergine era nota in tutto il comprensorio col nome di Santa Maria d’Itria. Il paesaggio della Valle è caratterizzato da chilometri di muretti a secco, che delimitano le proprietà, e da migliaia di casedde, le tipiche architetture che in loco rappresentano una evoluzione rispetto all’arcaico trullo ricovero pastorale e agricolo, diffuso su Tutta la Murgia.

1796412_10200935091574417_637561364_n

Le casedde furono le dimore dei contadini che nella Valle vissero in forme stanziali dall’Ottocento in poi praticando la vitivinicoltura. I vitigni coltivati furono la Verdeca e il Bianco d’Alessano che, iniseme alle migliaia di casedde con annessi palmenti, differenziarono un territorio fino ad allora essenzialmente a vocazione cerealicolo-pastorale. La pratica vitivinicola nel tempo è stata migliorata passando dalle produzioni familiari alle grosse produzioni delle Cantine che esportano nel mondo i pregiati vini Doc del luogo, coltivando anche altri vitigni.

Il popolamento stanziale in Valle d’Itria non ha conosciuto interruzioni, si è solo differenziato negli ultimi decenni del Novecento; ora i contadini sono agricoltori organizzati, la campagna è diventata dimora fissa per residenti locali e per un rilevante numero di forestieri che, ammaliati dal paesaggio, hanno scelto di vivere nei trulli. A loro si aggiungono i migliaia di turisti che, in tutte le stagioni, giungono attratti dalle bellezze naturali e storiche che il luogo possiede. Un ricco calendario di eventi culturali arricchisce l’offerta turistica con festival, mostre, sagre enogastronomiche, feste religiose e rievocazioni storiche. Non mancano fiere e mercatini di prodotti tipici.

Pascolo in Valle d'Itria - Copia

Se ti è piaciuto questo articolo mi piacerebbe che tu lasciassi un commento oppure potresti condividerlo con i tuoi amici!

Commenti

Share on Google Plus

3 Comments

  1. Salve,
    mi piace molto la Valle D’Itria.
    Un paesaggio molto speciale con il bellissimi trulli.

    Tanti saluti di Germania
    Ingrid

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *