Passaturi
  MENU

Una domenica in masseria sulle tracce del Casale medievale di Santa Maria del Barsento

  • 15/04/2015
  • Maria Teresa Acquaviva
  • Eventi
  • 0

Natura, arte e cucina tipica da gustare in masseria.

Domenica 26 aprile l'Associazione Passaturi organizza una giornata di relax da trascorrere insieme in campagna , nella Masseria della Casetta (di proprietà del Mulino l'Antica Macina), per gustare insieme con un buffet di qualità  i prodotti della masseria, per visitare l'Oasi Naturale del Barsento,  che comprende anche il sito dell'ex abbazia medievale con annessa  Chiesa di Santa Maria Assunta di rilevante interesse artistico. Un mix di sapori, cultura e natura.

Info

Appuntamento alle 10.00 nel piazzale della chiesa di Santa Maria del Barsento (Str. provinc. Noci - Barsento - vedi Mappa).
Nel rispetto di tutti si prega di essere puntuali.
Abbigliamento: comodo, a cipolla, con scarpe basse per l'escursione. La visita a Santa Maria del Barsento è accessibile a tutti. L'escursione nel parco non è consigliata ai diversamente abili. Per la bellezza dei paesaggi si consiglia di portare macchina fotografica e binocolo.
Menù a cura di Amalia Liuzzi, responsabile gruppo Facebook "Pugliesi in Cucina". Cibi cotti al forno a legno: pane di farina Senatore Cappelli,  focaccia pugliese, schiacciata con mortadella e  pizzitidd (focaccia ripiena di cipolla, acciughe e olive); zuppa di fave spuzzitate e purè di fave e cicorie - insalata di grano; cornaletti fritti -  salumi e formaggi locali, tra cui la ricotta forte e le mozzarelle  - frittata di erbe spontanee - dolci a sorpresa - vino e acqua.

Si utilizzano tutti prodotti a chilometro zero, le farine in particolare sono della Masseria della Casetta, dove si svolge l'evento, specializzata nella produzione di cereali di diverso tipo, con migliaia di ettari di seminativi.
Durante il buffet è possibile assistere alla produzione di mozzarelle con latte di allevamento di aziende locali. 

Costo a persona 25 euro. I bambini da 6 a 12 anni pagano 15 euro .
La prenotazione è obbligatoria entro, e non oltre, le ore 12 di venerdì 24 aprile.
Posti limitati.

Visita guidata

La visita è dedicata all'Oasi Naturale del Barsento, nella campagna tra Noci e Putignano, dove sorge anche l'ex abbazia del Barsento annessa alla chiesa di Santa Maria Assunta. Le ricerche archeologiche hanno portato alla luce numerosi reperti litici, tombe, ceramiche, impianti di villaggi con capanne e un reticolo viario molto antico, tutti elementi che testimoniano una frequentazione remota del luogo con insediamenti umani fin da epoche preclassiche. La posizione strategica d'altura e la natura carsica del luogo, certamente , facilitarono  la vita sia per motivi difensivi e di controllo del territorio, sia per la possibilità di accumulare risorse idriche nelle lame e nelle doline presenti. Anche nel Medioevo il Casale del Barsento è stato un luogo baricentrico in quella che oggi è nota come Murgia dei Trulli, poiché da qui passavano importanti arterie di comunicazione tra le coste ioniche e adriatiche, passava anche la via Barsentana intersecata da tratturi secondari che collegavano il sito con casali minori sparsi nel territorio. L'abbazia e la chiesa di Santa Maria sono sorte nell'Undicesimo secolo circa, dopo il casale, ed ebbero la funzione di evangelizzare le genti che qui praticavano ancora riti pagani. Nei secoli la chiesa di Santa Maria dell'Assunta è stata rimaneggiata ma conserva ancora l'impianto originario in stile romanico, mediato certamente  dalle architetture in pietra a secco rurali del luogo. Al suo interno,  trinavato, si conservano sull'abside centrale tracce di affreschi medievali che rimandano alla cultura greco bizantina, con un Redentore e  una luna e un sole umanizzati che confermano una cultura ancora intrisa  di paganesimo con cui venivano divinizzati tutti gli elementi naturali.

Dopo aver raggiunto la Masseria della Casetta, dove si sosterà per il pranzo, lasciate le auto,  si parte per un itinerario  nell'Oasi Naturale   seguendo a piedi l'antica Via Barsentana.  Si prevede anche la raccolta di erbe spontanee da utilizzare per la frittata. Tutta l'area geografica in questione presenta il tipico paesaggio della Murgia dei Trulli, con i  seminativi e i pascoli delle masserie che si integrano in armonia  con la vegetazione spontanea dei boschi. Il periodo primaverile consente di godere del rigoglio della natura con le infiorescenze degli arbusti della macchia mediterranea, con i colori dei fiori di campo e con le varietà di orchidee selvatiche. E ancora molti fragni e qualche esemplare maestoso di leccio , una grotta tipica e animali al pascolo.

Si rientra nella Masseria Casetta per consumare il ricco buffet di qualità preparato da Amalia Liuzzi responsabile del gruppo facebook "Pugliesi in cucina".                 


Lascia un commento

  Invia commento


NOTA BENE: il tuo commento verrà prima moderato e se ritenuto idoneo sarà pubblicato