12647238_768546246614312_1754085770728432715_n

Massafra sotteranea, Cristi, Madonne e Santi nelle cripte rupestri

La Puglia rupestre è costituita, lungo l’Arco Ionico, da tante piccole Matera, città sorte su gravine e insediamenti rupestri,  alcuni  abbandonati secoli fa altri tuttora popolati senza soluzione di continuità, luoghi di interesse naturalistico, storico, archeologico e artistico.  Massafra è tra queste perle, città sorta sulle sponde opposte della Gravina di San Marco che si può ammirare in tutta la sua imponenza da due ponti che collegano le due sponde. Un panorama che suscita varie emozioni, bellezza, meraviglia e perfino senso dell’orrido per quel burrone ricco di grotte scavate e di vegetazione spontanea, con le pale di fichidindia che spuntano  ovunque.

Passaturi.it Vi invita domenica 5 febbraio a esplorare insieme la Massafra sotteranea, quella delle chiese rupestri affrescate, uno scrigno d’arte medievale di elevato valore culturale.  Appena passata  la festa religiosa della Candelora, che cade il 2 febbraio,   visiteremo la Chiesa cripta della Madonna della Candelora, dove all’interno ammireremo tra gli altri anche un affresco della “Presentazione di Gesù al Tempio”, la Candelora nel linguaggio popolare.
La Chiesa cripta di Sant’Antonio Abate, anch’essa affrescata con gli ambienti liturgici divisi in due aule riservate l’una al culto greco e l’altra a quello latino.
La Chiesa cripta di San Leonardo dove si ammira un bel “Cristo Pantocratore”, tra gli altri affreschi.

Il giro nelle chiese rupestri sarà a cura dello staff dell‘Ufficio Turistico Nuova Hellas di Massafra.

Info
Incontro alle ore 9.45 all’ufficio Turistico Nuova Hellas in Via Lo Pizzo, vicino alla Piazza G. Garibaldi, nella città vecchia.
Inizio itinerario di visita alle ore 10.00
Fine itinerario ore 12.30.
Si consigliano scarpe basse e comode.
Contributo a persona 8.00 euro comprensive dei biglietti di entrata alle chiese rupestri.
I bambini fino a 6 anni non pagano, da 7 a 10 anni pagano 5 euro.
Prenotazione obbligatoria al numero 320.5753268 entro, e non oltre, le ore 18.00 di sabato 4 febbraio.

Se ti è piaciuto questo articolo mi piacerebbe che tu lasciassi un commento oppure potresti condividerlo con i tuoi amici!

Commenti

Share on Google Plus

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *