IMG-20190418-WA0028

Hatha Yoga in un antico frantoio ipogeo – Sabato 1 giugno a Martina Franca

Avete voglia di serenità e pace interiore liberando la mente da ogni pensiero negativo, anche solo per un pomeriggio? Sabato 1 giugno Passaturi e Coltur Apulia organizzano un incontro per praticare insieme alcune tecniche di Pranayama, uno degli otto segmenti dello yoga. Guiderà l’incontro la maestra Vanessa Laghezza, un’insegnante di Hatha Yoga che deve la sua formazione professionale agli insegnamenti di maestri indiani. Poter assorbire e controllare il prana, ovvero l’energia vitale, conduce verso una mente tranquilla, forte e può aiutare a risvegliare le potenzialità latenti di un individuo.

Coinvolgente l’esperienza e suggestivo il luogo dove si svolgerà, un antico Frantoio oleario di origine medievale, scavato nella roccia dove la natura carsica del luogo ha creato milioni di anni or sono un inghiottitoio. Il frantoio è stato usato nel corso dei secoli fino ad arrivare agli inizi degli anni ’70 del 1900,  quando ormai gli spazi erano stati adeguati alle normative allora vigenti. Durante la visita, l’appassionato proprietario Giuseppe mostrerà tutte le fasi temporali di utilizzo, gli ambienti lavorativi, tra cui la grande macina e alcuni pozzetti di raccolta.

Archeologia dello spirito, lo yoga,  e archeologia industriale, il frantoio oleario, questo il mix di una serata che si conclude con una degustazione di prodotti biologici organizzata da Coltur Apulia, il cui staff da anni è impegnato nella valorizzazione di prodotti a chilometro zero e, soprattutto, provenienti da aziende certificate.

Info: appuntamento in Piazza Mario Pagano a Martina Franca alle ore 18.
La puntualità è gradita nel rispetto di tutti.
Si consiglia un abbigliamento comodo con scarpe basse e di portare un telo.
Contributo a persona per l’esperienza e la degustazione 20 Euro.
Posti limitati.
E’ obbligatorio prenotare al n. 3205753268 entro, e non oltre, venerdì 31 maggio.
48914970_2062603263776770_9151784110375567360_n
La Maestra di Hatha Yoga, Vanessa Laghezza.

 

Se ti è piaciuto questo articolo mi piacerebbe che tu lasciassi un commento oppure potresti condividerlo con i tuoi amici!

Commenti

Share on Google Plus

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *